Per informazioni

Ecobonus Casa

Bonus casa 2023, ecco l'elenco aggiornato delle detrazioni disponibili

Gli incentivi per la riqualificazione, la ristrutturazione e l’acquisto di una casa sono tra i più utilizzati dalle famiglie per sostenere le spese importanti che riguardano l’edilizia in tutti i suoi aspetti. Per questo motivo, la Legge di Bilancio di quest’anno ha prorogato molti degli incentivi più impiegati negli anni precedenti per comporre una lunga lista di bonus casa 2023.

Gli ecobonus edilizi del 2023 sono innanzitutto uno strumento di supporto fondamentale per i nuclei familiari obbligati a dover chiedere aiuto per sostenere le ingenti spese per la casa. Allo stesso tempo, detrazioni e contributi derivati dai bonus per ristrutturazione della casa nel 2023 rappresentano una spinta decisa verso la riqualificazione energetica degli immobili e la promozione di fonti rinnovabili di energia impiegate in modo più virtuoso ed ecosostenibile.

A partire dai bonus che coprono le operazioni svolte per ristrutturare casa nel 2023 fino alle agevolazioni per l’acquisto di mobili e infissi, è necessario essere al corrente di tutti questi aiuti per le famiglie e sapere come presentare la richiesta.

agevolazioni fiscale per ristrutturazione casa

bonus fiscale per ristrutturazione casa

Bonus casa 2023: ultime notizie

La Legge di Bilancio 2023, a seguito della sua pubblicazione, ha visto la riconferma di molti incentivi per interventi edilizi di cui molte famiglie italiane hanno beneficiato negli anni precedenti. Alle proroghe della Manovra 2023 si sono aggiunte delle nuove agevolazioni, come il bonus per l’acquisto di una casa green e il Decreto Aiuti quater che ha apportato modifiche non indifferenti al Superbonus 110% molto popolare nel 2022.

Le novità più recenti pubblicate sui bonus casa dall’Agenzia delle Entrate sono elencate nella Circolare n. 17/E del 26 giugno 2023, che fa seguito alle circolari 14 e 15 pubblicate una settimana prima. Tra i vari argomenti di discussione di questo documento di prassi, i chiarimenti consistenti riguardano la situazione normativa di molti dei bonus casa 2023 (con riferimento ai quadri da compilare nel modello 730/2023, ai beneficiari e alle modalità di pagamento), i bonus per l’efficientamento energetico del 2023 e il Superbonus, profondamente modificato da tantissimi interventi e ormai molto distante dal testo originario. La circolare 17/E fornisce anche la documentazione e le dichiarazioni sostitutive da esibire al CAF o ai professionisti abilitati.

Ecobonus casa

Bonus prima casa 2023: tra conferme e modifiche

L’acquisto di una prima casa nel 2023 con bonus è possibile con diverse modalità:

  • bonus acquisto case green: detrazione al 50% per acquisti di immobili a risparmio energetico nel 2023. Questa agevolazione rientra tra i bonus per case ed è stato ratificato nella Legge di Bilancio 2023 proprio nella speranza di rianimare un mercato immobiliare che ha subito particolarmente gli effetti della pandemia a livello economico;
  • bonus prima casa under 36: i giovani con meno di 36 anni che acquistano la prima casa possono usufruire di esenzioni dal pagamento dell’imposta di registro e delle imposte ipotecarie e catastali, oltre a un credito d’imposta pari all’IVA corrisposta del 4% per case acquistate da imprese soggette a IVA.

A differenza di questi aiuti rivolti alle spese effettuate per comprare un immobile, il sostegno dato dalla maggioranza dei bonus casa 2023 interessa gli interventi di riqualificazione energetica ristrutturazione.

Bonus prima casa 2023: tra conferme e modifiche

L’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico e sostenibile, più comunemente chiamata ENEA, ha reso pubblica dal 1° febbraio 2023 la piattaforma per la trasmissione della domanda degli ecobonus casa del 2023 e dei bonus edilizia.

Il sito propone, alle voci “Ecobonus” e “Bonus casa”, le diverse modalità di richiesta telematica, gli interventi ammessi per ciascuna delle due agevolazioni e rimanda a tutte le guide pubblicate dall’Agenzia delle Entrate in merito a tutti bonus per case di quest’anno. La presentazione della domanda sulla piattaforma dell’ENEA deve essere fatta entro 90 giorni dalla fine dei lavori, per interventi svolti nell’anno 2023.

Bonus ristrutturazione 2023: cosa comprende?

I bonus casa 2023 coprono molti degli interventi di manutenzione e di riqualificazione degli spazi interni ed esterni dell’immobile. In questo gruppo di agevolazioni è inclusa la proroga del bonus ristrutturazioni con validità prevista fino a fine 2024: esso consiste in una detrazione fiscale che ammonta al 50% su una spesa massima di 96.000 euro per lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria in cui sono incluse installazioni di scale e ascensori e sostituzioni di infissi e serrande con materiale differente.

In riferimento al bonus ristrutturazioni 2023 e come richiederlo, dal 31 marzo 2023 (data limite stabilita dal Decreto Milleproroghe) non è più possibile usufruire di sconto in fattura e cessione del credito; l’unico modo per accedere a questo supporto è dichiarare la spesa nel modello 730 o nel modello Redditi PF indicando i dati catastali dell’immobile e preavvisando l’ASL con una comunicazione.

Un’altra possibilità offerta per interventi di simile natura è dedicato all’eliminazione delle barriere architettonichebonus del 75% per ristrutturazione nel 2023 nel caso ci si voglia liberare di barriere architettoniche o si vogliano installare impianti di automazione di diverso tipo in un’unità immobiliare o in condomini, favorendo particolarmente i sistemi che aiutano le persone con gravi disabilità.

Bonus per l’efficientamento energetico della casa del 2023

Una proroga importante per una delle agevolazioni più usate dai nuclei familiari è quella dell’Ecobonus casa e dei bonus per l’efficientamento energetico nel 2023 che molti edifici si propongono di perseguire. Alcuni interventi che non sono coperti dal Superbonus possono appoggiarsi anche nel 2023 al bonus energetico per realizzare un miglioramento dell’ecosostenibilità dell’immobile. Per l’installazione di infissi e sistemi oscuranti, il bonus tende da sole e il bonus zanzariere offrono un aiuto con la detrazione IRPEF a seguito della dichiarazione dei redditi.

Agevolazioni non confermate tra gli incentivi casa 2023

La Legge di Bilancio 2023 ha confermato molti degli aiuti previsti per l’acquisto o per la riqualificazione di un immobile. Tuttavia, alcuni ecobonus edilizi non sono stati prorogati per l’anno 2023. Più nello specifico si tratta di:

  • bonus facciate con 60% di detrazione nel 2022, molto popolare e impiegato per interventi di recupero e restauro delle facciate;
  • bonus bollette di 3.000 euro, contributo facoltativo che i datori di lavoro distribuivano ai dipendenti del settore privato per il pagamento delle imposte sulle utenze domestiche;
  • bonus restauro per edifici storici e artistici.

Oltre a queste esclusioni, va segnalato il bonus rottamazioni TV, valido fino al 2022 ma la cui proroga si discute per il bienno 2023/24, e il Superbonus passato dal 110% al 90% salvo poche eccezioni.